lunedì 21 luglio 2008

Per tutti coloro che sputano sul nostro Inno e la nostra Bandiera

Ho scovato su You tube questa versione cantata da Eleonora Benetti, nove anni, nel corso della cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali di Torino del 2006. Mi ha commosso fino alle lacrime. A fanculo chiunque oltraggia la nostra italianità ed uno dei pochi motivi per essere fieri di essere italiani.

Etichette:

4 Commenti:

Blogger chit ha detto...

Fieri o meno, i gusti trovo sempre siano "personali", rimane sempre il nostro inno, insieme alla bandiera l'unico VERO simbolo del nostro Paese e va rispettato da tutti, NESSUNO esculso!

25 luglio 2008 15:02

 
Blogger Valentina C. ha detto...

Chit!!! Troppo contenta di vederti nuovamente qui! spero tutto vada bene.
Un abbraccio!

25 luglio 2008 18:07

 
Blogger stella erratica ha detto...

a me ha sempre emozionato, l'avevo sentita già allora coi brividi.
io amo l'inno e mi commuovo sempre quando l'ascolto. ma che dire, io sono cresciuta tra le caserme e l'inno al mattino era la mia sveglia. per anni ed anni.
io sarei severissima con chi compie il reato di vilipendio alla bandiera e all'inno.

27 luglio 2008 00:17

 
Anonymous Fedora ha detto...

E' giusto che tu abbia ricordato quanto sia importante il nostro inno. Chi ci sputa sopra non si ricorda il contesto storico e il fermento in cui è stato creato. E' un po' fuori moda si, ma è il simbolo di una Italia che vuole rinascere e chissà che non si incominci un giorno o l'altro.

Forse è solo cafoneria, e mi sembra che da quelle parti ce ne sia abbastanza.

Fedora

16 agosto 2008 09:48

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page