martedì 18 marzo 2008

Dolore


Ieri è stata una brutta giornata. Avevo le mestruazioni e mi sentivo malissimo. Ed ero triste, tristissima. Non per la Zia, che fortunatamente contro ogni previsione ha superato l'intervento di angioplastica, ma perchè mi sentivo dannatemente frustrata dopo aver sentito Carlo. Io, per quanto alla gente potrà sembrare scema come cosa, a questo tizio che ora sta rinchiuso in america (volutamente minuscolo) ed alla sua compagna, ho imparato a volere un bene dell'anima, e come loro sono preoccupati quando io sto male, io altrettanto mi preoccupo per loro.

Ieri quando l'ho sentito, beh Carlo stava malissimo. E quando uso tale agettivo, esso stesso è solo un eufemismo. Tagliando corto, senza sciorinare l'intera conversazione, che è durata praticamente mezzora, mi veniva da piangere e strillare contemporaneamente mentre parlavamo, ma ovviamente tentavo di non far trapelare questo stato d'animo. Non ci sono parole per descrivere la sofferenza che emanava dalle parole di Carlo ieri, che per quanto disperate erano decisamente meglio dei momenti di silenzio. Io posso solo dirvi che dopo aver attaccato ho provato una senzazione di magone cronico fino a stamattina, quando si è allentato un po' una volta che sono riuscita a piangere, probabilmente sarà una sensazione che mi accompagnerà fino a che non lo sentirò un pochino meglio. Dio mio, se avessi avuto davanti quella gran puttana che l'ha accusato, l'avrei fatta fuori con le mie mani, ma molto lentamente, facendola soffrire lentamente, facendo un taglietto e mettendoci del sale per ogni cosa atroce che Carlo ha dovuto subire in questi ultimi quattro anni. Forse alla maggior parte di voi sfugge che Carlo è stato condannato sulla base del nulla dopo un processo nel quale sono state presentate prove false, ( ed è dimostrabile). E questo lo sanno tutti, le autorità italiane, le autorità statunitensi. Tutti, ma maledetta politica Carlo sta ancora lì a marcire e disperarsi. Che c'è da ringraziare Dio del carattere che ha.

Io non sono tipo dalla lacrima facile, e chi mi conosce da un po' di tempo lo sa. Ma pensare a quello che lui passa la dentro, mi fa sempre un male cane. E poi ormai conoscendolo, la sensazione è dannatamente amplificata. Mi sento molto frustrata in alcuni momenti. Nonostante lo sbattimento per tirarlo fuori, si fanno due passi avanti e quattro indietro: è una continua lotta. Tornando indietro a settembre, rifarei da capo tutto quello che ho fatto finora. Penso che non mollerò mai fino a che non sarà nuovamente in Italia.

Etichette: , , , , , ,

4 Commenti:

Blogger stella erratica ha detto...

conoscendo carlo, non posso che restar scossa da queste parole. facciamo finta (ma anche no) che i brividi che ho siano per la finestra aperta in camera. credo che nessuno potrà stare tranquillo fintanto che lui sarà lì, in quell'inferno grazie ad un essere umano anagraficamente di sesso femminile.
(tra parentesi: sono contenta per tua zia, spero si rimetta presto)
come si fa a sentire un uomo, magari il tuo uomo, in quelle condizioni e non poter far nulla perché tutto dipende dagli altri? quello che state facendo è fantastico e grandioso, ma resta incredibile il fatto che tutto dipenda da chi l'ha voluto e lo vuole all'inferno.
spero passi presto, sarebbe bellissimo fare una festa per festeggiare il suo rientro. io ci voglio credere. prima o poi sarà realtà.

19 marzo 2008 19:47

 
Blogger Valentina C. ha detto...

infatti io ti giuro non capisco come faccia Katia tante volte ad avere la forza che ha. Se ci fosse un mio eventuale compagno in quella situazione, penso che sarei sbottata molto prima e con un innumerevole quantità di istituzioni ed affini.

19 marzo 2008 19:50

 
Blogger stella erratica ha detto...

io credo invece che pure tu avresti tirato fuori la grinta come Katia. per disperazione e per amore. ti conosco poco ma credo che sarebbe andata così.
(senza nulla togliere a Katia, che secondo me resta un mito)

20 marzo 2008 13:24

 
Blogger chit ha detto...

Ciao carissisima e buona pasquetta. Non sono riuscito a passare prima a lasciarti il mio ovetto e quindi passo solo ora. Spero non me ne voglia ma cioccolata non ne è rimasta molta ma se passi da me...
c'è almeno una sorpresa.
Sei stata nominata! ;)
Un abbraccio e buona giornata

24 marzo 2008 12:49

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page